Un libro e una tazza di tè: Let it snow

Buonasera Lettori, 
sono qui a scrivermi dopo la mia prima giornata di stage. Vi presento: Let it snow!

Titolo: Let it snow
Autore: John Green, Maureen Johnson, Lauren Myracle
Casa Editrice: Rizzoli
Prezzo: 16,90 € (cartaceo); 4,99€ (ebook - Amazon)
Pagine: 373


Dopo essere rimasta un pochino delusa da John Green in “Teorema Catherine”, quando ho saputo dell’uscita di questo romanzo ho messo le mani in avanti. La curiosità, però, ha avuto la meglio su di me e quindi l’ho letto. Devo ammettere che è stata la scelta giusta perché ne sono rimasta davvero felice.
È un libro costituito da tre racconti scritti rispettivamente da: Maureen Johnson, John Green e Lauren Myracle. Ma allo stesso tempo non è una semplice raccolta di racconti poiché sono legati dalla stessa località, dalla stessa situazione di sfondo e dagli stessi personaggi.
È la Vigilia di Natale a Gracetown. Tutto è pronto per festeggiare il Natale ma una bufera di neve non prevista attanaglia il paese e distrugge ogni programma.
Il primo racconto “Jubilee Express” vede come protagonista Jubilee la quale, dopo che i propri genitori sono stati arrestati, si trova costretta a prendere il treno per andare a stare dai nonni alcuni giorni. Il treno, però, rimane bloccato nella tormenta e lei si trova a trascorrere una serata e una giornata davvero particolare. 

Ho apprezzato moltissimo questa storia perché l’ho trovata molto divertente. Jubilee è davvero una ragazza particolare e a tratti immatura che, sempre secondo la mia opinione, rispecchia molte ragazze che vogliono sembrare adulte ma che in realtà ancora non lo sono.

Il secondo racconto è “Un cheerstastico miracolo di Natale”. Cosa non farebbero due ragazzini pur di passare la sera della Vigilia di Natale ad ammirare un gruppo di cheerleader bloccate alla Waffle House? È davvero interessante notare, durante la storia, l’evoluzione del rapporto tra Tobin e il Duca (Angie). Mi ha fatto battere il cuore.
Infine, il terzo racconto è “Il santo patrono dei maiali”. Il titolo è davvero divertente ed è interessante la morale della storia: un vero amico è disposto a tutto per far affiorare un sorriso nel viso di qualcuno a cui tiene.            

È la storia che ho apprezzato meno. Non so davvero il perché ma la storia di Addie, che ho trovato un pochino presuntuosa e concentrata troppo su sé stessa, non mi ha emozionato.

È un libro per ragazzi che però lascia, anche nei più grandi, una serie di emozioni importanti oltre che la possibilità di fare una riflessione. Non bisogna mai pensare troppo a se stessi escludendo dalla propria visuale i problemi degli altri. L’amicizia è davvero una relazione importante tra le persone ma l’amore è davvero il punto centrale del romanzo. Un amore ingenuo, immaturo e aspro. Chi non ha mai vissuto un’infatuazione del genere nel periodo adolescenziale? Trovo il libro ben studiato e adeguato al target di lettori. I più adulti che si trovano ad analizzare i brani devono mettersi nell’ottica di trovarsi di fronte ad uno scritto rivolto ai più giovani e quindi devono abbandonare l’occhio critico.

Un libro che insegna che sbagliare è lecito, che si può pur sempre imparare da ogni occasione vissuta.

Lo stile degli scrittori si amalgama bene ma ciò che è più interessante è il fatto che le storie si intreccino tra di loro e che i personaggi alla fine delle vicende si ritrovino tutti assieme nello stesso luogo.
Una lettura scorrevole, piacevole e a tratti davvero divertente. Lascia il lettore con il sorriso stampato sul viso ed il cuore, sebbene colmo d’amore, molto leggero.

Voto: 


Voi lo avete letto?
Cosa ne pensate?

Ylenia ^_^



Commenti

  1. Volevo leggerlo questo Natale ma nella libreria dove vado di solito non c'era :( Sarà per il prossimo Natale.
    Passa da me se ti va: http://lavetrinadeidesideri.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. È una lettura leggera e divertente :) te la consiglio :)
    Certo, passo volentieri!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Un libro e una tazza di tè: 1984

Sogni su pellicola - Flash Gordon

Il Post della Domenica: leggere, rileggere e dover leggere