Un libro e una tazza di tè: La casa dei ragazzi speciali di Miss Peregrine

Buongiorno lettori, 

come state? 
Oggi sono qui per parlarvi di Miss Peregrine. La casa dei ragazzi speciali di Ransom Riggs.

La prima volta che ho visto il trailer del film, che sarebbe uscito al cinema di lì a qualche mese, mi sono detta “devo leggere questo libro”. Il romanzo non rientra nel genere che solitamente leggo ma sono aperta a  qualsiasi contributo, se le promesse sono queste!
Ovviamente il libro è finito nella mia infinita TBR e non ho mai avuto modo di leggerlo. A Dicembre, però, sono andata al cinema spinta dalla curiosità e dalla voglia di vedere questo film e, ovviamente, uscita dalla sola ho deciso che avrei letto il libro il prima possibile

Miss Peregrine La casa dei ragazzi speciali di [Riggs, Ransom]
Miss Peregrine. La casa dei ragazzi speciali
Ransom Riggs
Rizzoli
304 pagine
9.99 € (ebook) - 18.00 € (cartaceo)


Il libro

Il romanzo racconta la storia di Jacob, un giovane adolescente americano che vive una vita priva di ogni interesse. Le giornate, per lui, sembrano passare tutte uguali mentre lavora in una catena di supermercati di famiglia.
La monotonia della sua esistenza viene spezzata da una chiamata allarmata da parte del nonno. Jacob, preoccupato, decide di andare a vedere cosa succede. Arrivato a casa del nonno, però, lo trova in fin di vita.
Jacob decide di mettersi in viaggio per riscoprire le storie del passato raccontate proprio dal nonno, per vedere con i propri occhi i tanti luoghi che sempre gli ha descritto con tanto amore. Attraversato l’oceano giunge in Gran Bretagna nell’isola di Carinholm, luogo in cui il nonno, Abraham Portman, ha trovato rifugio per qualche anno assieme ad altri bambini scappati dagli orrori della Seconda Guerra Mondiale.
Tra le mura diroccate del vecchio edificio, dove il nonno ha alloggiato, Jacob si metterà alla ricerca di testimonianze delle storie raccontante dal nonno anni prima, cercherà la verità in cui ha sempre creduto.
Il nonno, però, prima di morire lo aveva avvertito che non sarebbe stato al sicuro e che avrebbe dovuto proteggerlo anni prima. Una minaccia, infatti, incombe su di lui.

Le mie opinioni

L’idea iniziale dell’autore è davvero originale. Nei primi capitoli si sviluppa questo rapporto nipote-nonno in cui, in parte, mi sono ritrovata. L’amore che si prova per il proprio nonno è qualcosa che non si può spiegare. Jacob non riesce a staccarsi dalla figura idilliaca del nonno che si è creato nella mente dopo tutti i racconti che ha ascoltato su mostri combattuti e soprattutto sui bambini speciali.
Se il prologo e il primo capitolo sembrano avviarsi con calma, il resto del romanzo scorre senza che il lettore se ne accorga. Lo sviluppo della trama è interessante.

La storia ovviamente è rivolta ad un pubblico giovane e questo non si può scindere dalla lettura del romanzo. Lo stile dell’autore, però, non risulta caratterizzato da frasi semplici. Si può definire uno stile ricco di dettagli. La scelta dell'autore è quella di non lasciare nulla al caso o solamente citato. Ogni singolo elemento della storia assume la propria importanza nelle vicende.

Avrei forse preferito, però, una descrizione più dettagliata di questi bambini speciali. Mi sono resa conto che, in alcune occasioni, i loro poteri, le loro capacità vengono solamente citate e mai descritte nei minimi particolari.

Credo sia una lettura piacevole da fare senza troppe pretese e senza dar troppo peso al tutto. Una lettura consigliata specialmente ai giovani più che agli adulti. I “grandi” spesso hanno perso la consapevolezza di essere stati giovani e non riescono più a guardare le cose per il vero valore che hanno. I pregiudizi, però, in ambito letterario non vanno bene perché ci si possono perdere cose davvero belle.


Risultati immagini per miss peregrine la casa dei ragazzi speciali locandina filmIl film

Il regista del film è Tim Burton. 
Contro molti pareri negativi o confusi, a me il film è piaciuto perché mi ha tenuta incollata allo schermo con la curiosità di sapere cosa sarebbe successo poi. Come ho già accennato, ho visto il film prima di leggere il libro e non avevo idea di come si sarebbe sviluppata la storia.

Una volta letto il libro, però, mi sono resa conto che Tim Burton ha abbastanza stravolto la storia.
Lo scambio di ruolo di personaggi, la scelta di dare uno sviluppo alle vicende diverso, il finale completamente cambiato mi hanno lasciato interdetta. Probabilmente ciò è dovuto anche alla possibilità di adattamento cinematografico che queste scene hanno rispetto alle originali. Devo dire, però, che è la prima volta in cui non rimango troppo male di queste variazioni: mi rendo conto che se il film avesse seguito esattamente il libro, forse non avrebbe reso come in realtà ha fatto.

Il film deve essere visto nell'ottica di una trasposizione cinematografica rivolta ad un pubblico giovane o molto giovane. Questo discorso vale sia per il libro che per il film stesso. Entrando in sala con quest’ottica si gode meglio lo spettacolo.


A me non resta che consigliarvi la lettura ma anche la visione del film. Non me la sento di criticare né l’uno né l’altro. So che nel web girano pareri completamente discordanti gli uni dagli altri. Ognuno vede le cose con il proprio occhio!
Io apprezzo le opinioni altrui e ho guardato molti video di booktuber che non hanno apprezzato il libro. Hanno le loro motivazioni ed è giusto ascoltarle!

Voi avete letto il romanzo? Cosa ne pensate?
Fatemi sapere nei commenti,


Ylenia

Commenti

Post popolari in questo blog

Un libro e una tazza di tè: 1984

Sogni su pellicola - Flash Gordon

Il Post della Domenica: leggere, rileggere e dover leggere