Il mondo di Ylenia: La saga di Hunger Games


Ho deciso di non fare una vera e propria recensione della mia rilettura di “Hunger Games – Il canto della rivolta”. Penso che la maggior parte di voi conosca già abbastanza la trama e la fama di questa trilogia scritta da Suzanne Collins.
Sì, il blog dovrebbe essere letterario ma voglio fare qualcosa di diverso. Voglio parlare del libro in relazione al film. So che questa può essere considerata un’eresia per i lettori, ma spero che riusciate a perdonarmi.

“Come sempre, Effie Trinket esclama: - Prima le signore! – e poi attraversa il palco per avvicinarsi alla boccia di vetro con i nomi delle ragazze. La raggiunge, tuffa la mano in profondità ed estrae una strisciolina di carta. […] Effie Trinket ritorna alla pedana, liscia la strisciolina di carta e legge il nome con voce chiara. Non sono io. È Primrose Everdeen. […] – Prim! – il grido soffocato mi esce dalla gola e i miei muscoli ricominciano a muoversi. […] – Mi offro volontaria! – ansimo. – Mi offro volontaria come tributo!”

Chi conosce la saga non può ignorare questo passaggio: siamo all'inizio del primo libro ed è il momento in cui tutto inizia. Inizia una storia avvincente, entusiasmante che non permette al lettore di allontanarsi dalle pagine.
Quando ho letto per la prima volta i libri, ormai 2 anni fa, è stato amore a prima vista. Ancora adesso non riesco a trovare una serie della stessa portata.

“L’uccello, la spilla, la canzone, le bacche, l’orologio, il pane tostato, il vestito consumato dal fuoco. Io sono la ghiandaia imitatrice. Quella che è sopravvissuta nonostante i piani di Capitol City. Il simbolo della ribellione.

Il secondo libro mostra quanto il potere possa mettere in ginocchio tutto il resto e quanto voglia prevalere anche su quelle emozioni che nascono dal profondo del cuore, piegandole secondo convenienza. Anche in questo libro il tema principale sono gli Hunger Games e la ribellione: ci sono casi in cui le parole non possono aiutare a risolvere i problemi ma servono fatti, eventi e unione.

Appena uscito nelle sale italiane, sono corsa a vedere il film diretto da Francis Lawrence. L’ultimo della saga. Un finale degno di essere chiamato tale.
Il regista è rimasto fedele alla storia e, sebbene ci siano alcuni tagli, le scene più importanti sono riportate.  
Devo dire che ha soddisfatto le mie aspettative nonostante io abbia passato il tempo a ripetere “Nel libro non succede proprio così”: difetti da lettrice amante dei particolari.
Avrei, alcune volte, preferito si fosse soffermato su alcuni momenti per sottolineare maggiormente le emozioni e rappresentare al meglio la storia. Un parere che ho riscontrato anche parlando con altre persone.
Trovo gli attori perfetti nei loro ruoli, soprattutto Jennifer Lawrence, attrice che io ammiro molto.
Quindi direi che il cast è perfetto!

“- Resta con me.
- Sempre”

La prima volta che ho letto il terzo libro, suddiviso poi in due film, il finale mi ha dato un senso di pace interiore che difficilmente ho provato in altre letture. Diciamo che Suzanne Collins ha scritto la storia esattamente come avrei fatto io al suo posto: la ragazza di fuoco si trova ancora a combattere contro Snow con la squadra 451, in un territorio che definire ostile è dire poco. Potrà Katniss fidarsi di chi le sta attorno? Come andrà a finire quest’ultima impresa?

Il Finale ha lasciato molte persone veramente entusiaste mentre altre ne sono rimaste deluse. Sono felice il regista abbia deciso di non utilizzare un finale alternativo ma che abbia, invece, scelto di rispettare l’epilogo del libro perché altrimenti sarei rimasta interdetta.

Purtroppo i film di questa saga, adorata da veramente tanti lettori e non, sono conclusi. Non ci resta che riguardarli a casa infinite volte, ma soprattutto non rimane che rileggere i libri e tornare ad amare ancora una volta la storia!

“-Tu mi ami. Vero o falso?
-Vero!”



Voi avete letto i libri?
Siete andati al cinema a vedere i film?
Siete rimasti soddisfatti dell’epilogo o avreste preferito una scelta registica differente?

Fatemi sapere!

Vostra,
Ylenia


Commenti

  1. Concordo con te su tutto!
    Questa saga ha un posto speciale nel mio cuore: ho adorato tutti i volumi, dal primo all'ultimo nonostante molti lo abbiano considerato deludente. Ho apprezzato tantissimo la fine e non riesco proprio ad immaginarmene una diversa sinceramente. Per quanto riguarda i film sono molto soddisfatta, hanno adattato i libri davvero magnificamente. Anche io come te vorrei che mettessero tutti i minimi particolari (e le scene che mi sono piaciute di più! xD) ma alla fine se l'adattamento è fedele e fatto bene ci passo su. Per quanto riguarda l'epilogo...avrebbero potuto cambiare qualsiasi cosa, stravolgere anche il film (si fa per dire) ma l'epilogo no, non li avrei mai perdonati u_u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi trovi d'accordo con te :) sono contenta di sia piaciuto il post :)

      Elimina
  2. Ho letto la serie e ho visto i film (tutti tranne l'ultimo, che non vedo l'ora di vedere).
    Per quanto riguarda l'epilogo della serie sono soddisfatta. Certo, sarebbe stato tutto più allegro se fossero stati tutti felici e contenti, ma sarebbe stato anche poco realistico. Il senso di vuoto e tristezza che lascia la storia è lo stesso che hanno i protagonisti alla fine della rivolta. Il lettore è portato a sentirsi come loro. Tutto è finito, ma nulla potrà essere mai cancellato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi trovo d'accordo con te ;)

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Un libro e una tazza di tè: 1984

Sogni su pellicola - Flash Gordon

Il Post della Domenica: leggere, rileggere e dover leggere