Il Post della Domenica - Libri Usati

Da oggi inizio con la rubrica "Il Post della Domenica". Ho deciso che ogni domenica vi parlerò di qualche aspetto del mondo dei libri che apprezzo particolarmente. Nello specifico oggi vi parlo dei libri usati.

Ieri ho fatto un giro per i mercatini dell'usato in cui erano presenti numerose bancarelle di libri. Sono stata ore a spulciarle e infine ho portato a casa "Tutto per una ragazza" di Hornby e "Fondazione. La quadrilogia completa" di Asimov, per soli 9€. Sono molto soddisfatta dell'acquisto di Asimov: è una vita che voglio approfondirlo come autore, solo che i suoi libri costano molto e in più nelle librerie si fatica a trovare una scelta varia (non solo per Asimov, ma per la fantascienza in generale). Così per 7€ ci ho guadagnato la Trilogia della Fondazione (Prima Fondazione, Fondazione e Impero, Seconda Fondazione) più L'orlo della Fondazione. Ogni intenditore di Asimov intuirà che è un libro abbastanza vecchio, poiché la Mondadori non ha più pubblicato il Ciclo della Fondazione in questa impostazione dal lontano 1989 (dico lontano perché io, nell'89, non ero ancora nata). In più ha anche la copertina rigida, cosa ormai anomala per Asimov dato che viene pubblicato in edizione economica (mica tanto!) da metà degli anni Novanta. Comunque non sono qui solo per tessere le lodi di questo libro (potete vedere voi stessi, dalla foto, quanto è bello!)


Acquisti al mercatino dell'usato 
Ciò di cui voglio davvero parlarvi è il valore del libro usato. Non si tratta solo di uno scambio vantaggioso per l'acquirente e il venditore. Si tratta di comprare un libro che è appartenuto a qualcun altro, qualcuno che amato o odiato il libro, qualcuno che ci ha sognato insieme. Il libro usato porta con sé una storia ulteriore a quella che narra. Una storia che a volte abbiamo la fortuna di scoprire, come è successo a me. Infatti, aprendo il libro di Asimov ho trovato una dedica: il libro è stato prima di tutto un regalo che chissà come mai  stato venduto. 

La dedica dice: 

"Carissimo, so che ti piace sognare come si conviene ai giovani. Con l'augurio che tu possa sempre viaggiare con la fantasia al di là del presente. Un abbraccio e un augurio particolare per un anno felicissimo."

Non ci ho guadagnato solo un bel libro a un prezzo economico. Ho avuto modo di conoscere, in parte, la storia del libro in sé. E questa è una fortuna.


A voi piacciono i libri usati? Vendereste mai un vostro libro, per di più che vi è stato regalato? Fatemi sapere!

Alla prossima domenica.

La dedica sul libro

Commenti

Post popolari in questo blog

Un libro e una tazza di tè: 1984

Sogni su pellicola - Flash Gordon

Il Post della Domenica: leggere, rileggere e dover leggere