Tolkien Untold

Un incontro alla scoperta del Tolkien meno noto, untold. Le sue opere minori, ma non per il contenuto. Le origini dell'universo epico del filologo scrittore inglese

Ieri e oggi, presso il Dipartimento di Lettere dell'Università di Trento, si è tenuto un incontro sugli scritti meno conosciuti di Tolkien: All'ombra de "Il Signore degli Anelli": le opere minore di Tolkien. È stato un evento internazionale che ha coinvolto numerosi studiosi dello scrittore inglese, da Roberto Arduini, presidente dell'Associazione romana Studi Tolkieniani, a Thomas Honegger, Professore presso il Dipartimento di Studi Inglesi dell'Università Friedrich Schiller di Jena e segretario della Tolkien Society svizzera, al cui interno è ospitato il Greidisinger Museum.

Mi sono sempre ritenuta un'appassionata del mondo costruito da JRR Tolkien e dopo queste due giornate di conferenza mi sono resa conto di quanto in effetti io lo conosca poco! I contributi e gli spunti di riflessioni sono stati tanti e passerò ora a condividere con voi quanto ho ascoltato :)

Prima Giornata - 13 Maggio
I lavori si sono aperti alle ore 14 con il saluto del Rettore, il quale ha descritto l'evento organizzato come un importante tentativo di 
"coniugare un tema pop con la ricerca universitaria"
Il primo relatore è stato Federico Guglielmi, forse meglio conosciuto come Wu Ming 4. Il suo intervento, dal titolo La volontà di uno solo e la sventura di molti. Onore, viltà e salvezza collettiva nel Ritorno di Beorhtnoth figlio di Beorhthelm, ha delineato come la teoria nordica del coraggio stessa influenzi sì tutta l'opera di Tolkien, ma come anche la critica a essa sia fondamentale. Critica che si rispecchia in personaggi come Sam Gamgee, combattente per necessità e non per gloria, e Aragorn, condottiero dubbioso.

Successivamente, con Roberto Arduini, si è passati ad approfondire Tolkien come artista. Si è parlato perciò di Foglia di Niggle (in Italia lo si trova nella raccolta Albero e Foglia), racconto che vede un pittore, impegnato nella realizzazione di un quadro raffigurante una foglia, intimorito dall'incapacità di completare la propria opera perdendosi nei dettagli. È questa un tentativo da parte dell'autore di esternare i propri dubbi, paure e di riflettere su cosa sia arte: l'arte è un dono e la scrittura è un'attività sociale.

Con Stefano Giorgianni si è parlato del Tolkien scrittore per ragazzi. Il suo intervento, Mr. Bliss & Roverandom. Fonti filologiche e contaminazioni letterarie nel Tolkien didascalico, ci racconta un Tolkien in parte eterno bambino, che dai giocattoli dei propri figli prende spunto per delle vere e proprie fiabe e favole. Rover e l'automobile di Mr Bliss erano giocattoli di latta dei figli. Le fantasiose vicende narrate in queste due storie devono molto alla letteratura per ragazzi di Beatrix Potter. In Mr Bliss si potrà vedere una strana creatura, Girabbit, metà giraffa e metà coniglio, che vive in un piccolo buco. Girabbit, la cui pronuncia è molto simile alla pronuncia inglese di Hobbit.
Il Girabbit di Mr Bliss
Si è avuta anche l'occasione di poter vedere un cortometraggio di Mr Bliss, realizzato dal russo Gennadij Tiscenko, che anima le illustrazioni dello stesso Tolkien (clicca qui per ulteriori informazioni).

Per ultima è intervenuta Francesca Di Blasio, studiosa di letteratura inglese e Professoressa presso il Dipartimento di Lettere dell'Università di Trento. La studiosa si è concentrata su Il Cacciatore di Draghi, rimarcando l'aspetto ironico e a tratti provocatorio dell'intera opera.

Secondo Giornata - 14 Maggio
La giornata di oggi si è composta di due momenti.
La mattina sono intervenuti Mark Atherton, docente di lingua e letteratura inglese, che ha parlato de La caduta di Artù. A seguire Thomas Honegger ha invece approfondito l'evoluzione dell'opera tolkieniana, dai racconti delle fate (fairy tales) alla vera e propria epoca con Beowulf. Infine con Tom Shippey (anche se tramite intervento registrato) si è parlato de Le avventure di Tom Bombadil.
La mattinata si è conclusa con la proiezione del cortometraggio Tolkien's Road che ci ha permesso di vedere un Tolkien reduce di guerra che affronta i suoi traumi e li esorcizza tramite la sua fantasia.


Nel pomeriggio invece si è parlato del concetto di verità nelle fairy tales, trattando il Saggio sulle fiabe con il filosofo Claudio A. Testi. Le fiabe di Tolkien sono analogicamente vere, hanno una verità interna e un'unità polifonica (quindi narrate da più punti di vista). Le fiabe raccolgono in sé, secondo Tolkien, una verità secondaria, ma non per questo meno vera.
È intervenuto  poi Lorenzo Gammarelli, traduttore e curatore di alcune delle opere di Tolkien per Bompiani, approfondendo gli aspetti ironici de Il Cacciatore di Draghi e quelli onirici de Il Fabbro di Wooton Major.
Gli ultimi due incontri sono stati tenuti da Alessandro Fambrini, che ha parlato dell'influenza di Tolkien nel fantasy tedesco, e Fulvio Ferrari, direttore del Dipartimento di Lettere, che ha intrattenuto la platea sul Tolkien filologo ne I nuovi carmi Sigurd e Gudrun.

Queste due giornate mi hanno permesso di conoscere in modo più approfondito l'universo tolkieniano. Sono molto entusiasta perché ora intendo dedicarmi a questo autore con un nuovo punto di vista, più cosciente e per alcuni aspetti più critico. 
Jrr Tolkien
Il mondo creato da Tolkien non smetterà mai di stupirmi e di meravigliarmi. È infinito come solo la fantasia umana può essere. Mi è stato possibile conoscere la personalità eclettica dell'autore inglese: professore, filologo, padre di famiglia, reduce di guerra, amante del creato, amico fedele, fantasioso, innovatore.



Per ulteriori info sull'evento clicca qui.
Per info sulla Società Italiana di Studi Tolkieniani clicca qui.

Libri nominati durante il convegno
Di seguito una lista dei libri che permettono una lettura dell'opera di Tolkien maggiormente consapevole e profonda.
  • Il Silmarillion
  • Racconti Ritrovati, Racconti Perduti, Racconti Incompiuti
  • Il Cacciatore di Draghi
  • Il Fabbro di Wootton Major
  • Roverandom
  • Mr Bliss
  • Albero e Foglia
  • Le avventure di Tom Bombadil
  • La Realtà in Trasparenza 
  • Il Ritorno di Beorhtnoth

Commenti

Post popolari in questo blog

Un libro e una tazza di tè: 1984

Sogni su pellicola - Flash Gordon

Il Post della Domenica: leggere, rileggere e dover leggere