Un libro e una tazza di tè: Beautiful, Infinito + 1, Perfect

Buon Pomeriggio,
sono tornata con un super post in cui potrete trovare addirittura tre recensioni. Questo mese il blog, Il colore dei libri, per il gruppo di lettura Il salotto dei ColorLettori ha scelto il tema: libri per ragazzi.
Un tema che mi è piaciuto molto e che mi ha lasciato emozioni positive.


BEAUTIFUL di Alyssa Sheinmel 

Casa Editrice: Newton Compton
Pagine: 320 pagine

 “Beautiful” di Alyssa Sheinmel è un libro che cattura: per la copertina, per la trama ma soprattutto per le emozioni che suscita durante la lettura. Non è un’avventura che accompagna solo per alcuni giorni, è un qualcosa che rimane fortificato nel cuore anche dopo aver letto l’ultima pagina. La storia mi ha rapito il cuore. 


Maisie è una ragazza con una vita "quasi" perfetta. Ha le sue migliori amiche, ha un ragazzo e una passione: la corsa. Come d'abitudine, una mattina presto decide di andare a correre. Sulla strada del ritorno però sente le prime gocce di pioggia e poi, dopo un lampo, il mondo si tinge di nero. Da questo momento in poi la vita di Maisie cambia drasticamente e, ancora giovane, si troverà costretta a lottare contro un mondo che è più grande e più forte di lei.  


Sebbene io sia molto diversa dalla protagonista, la scrittrice è riuscita a farmi immedesimare nel personaggio tanto da vivere le sue stesse emozioni. Dopo i primi capitoli mi sono trovata con un nodo alla gola difficile da sciogliere. Ho continuato la lettura avidamente e ho adorato ogni singola parola. Maisie, nonostante la giovane età, è una persona matura. Importanti sono le continue riflessioni sulla vita e intelligente è il modo di affrontare quello che il destino le ha messo davanti. È vero, inizialmente alcuni suoi comportamenti possono risultare immaturi ma riflettendoci, è tutto normale.

Scorrendo le pagine continuavo a riflettere su come mi sarei comportata io se fossi stata nei suoi panni. Ho amato il libro perché proprio in un momento della vita in cui si vive facendo grandi progetti, pensando che ci sarà sempre un altro giorno, o senza riflettere sull'importanza che hanno le cose questo romanzo ti sbatte in faccia la nuda realtà dei fatti. La vita è un equilibrio precario in cui le cose possono andare bene ma capovolgersi nel giro di qualche secondo. Bisogna essere pronti ad affrontare qualsiasi cosa e io, che sono pessimista di natura, ho capito che questa forza non ce l’avrei proprio.

Anche Masie in un primo momento si è trovata smarrita. Pensava che allontanando gli altri da sé avrebbe vissuto diversamente ma sarebbe riuscita ad affrontare tutto. Questo romanzo fa capire che nel momento del bisogno chi vuole esserci ci sarà, chi invece ha un ruolo marginale nella nostra vita prenderà una strada diversa lasciando inizialmente un vuoto e solamente poi un ricordo.

Alla conclusione del romanzo ho pianto, calde lacrime amare. È difficile comprendere totalmente la situazione senza averla mai provata. In realtà, spero di non doverla mai vivere. So di essere egoista, ma è nella natura umana fare questi pensieri. Il finale mi ha spiazzato anche se ci avevo sperato. Ho pianto anche dopo aver chiuso il retro della copertina.

È la miglior lettura di questo 2016 e non penso possano essercene altre dello stesso calibro. Ma non si sa mai.  

INFINITO + 1 di Amy Harmon

Casa editrice: Newton Compton
Pagine: 352 pagine

Dopo aver concluso “Beautiful”, ho pensato che non sarei riuscita a leggere altro per un po’ di tempo. Infatti, quando ho iniziato “Infinito + 1”, ho avuto come la sensazione che i primi capitoli fossero lenti, macchinosi o che la storia non mi catturasse. La bravura di Amy Harmon, invece, ha saputo stupirmi nuovamente mostrandosi all’altezza dell’altro suo romanzo che ho letto, “Sei il mio sole anche di notte”.

Bonnie Rae Shelby aveva una sorella gemella. Ora non c’è più. Bonnie è una star del country che non riesce più a reggere quella vita, sentendosi ormai incompleta. Proprio per questo motivo decide di scappare dal palco durante un’esibizione per mettere fine alla sua vita. È proprio in questo momento che un angelo custode le manda Finn Clyde, ex-detenuto, a salvarla.  

Proprio così inizia questa fantastica storia. Una trama mai sentita fino ad ora e davvero originale. Ho letto questo libro in un tempo brevissimo perché non riuscivo a staccarmi dalle pagine da quanto ero avida di sapere come sarebbe continuata la storia dei due protagonisti.

Bonnie, salvata da Clyde, decide di partire con lui allontanandosi dalla sua routine per ritrovare sé stessa. Ci si trova, quindi, in un viaggio lungo e carico di esperienze. Un viaggio che consiste nell’attraversamento degli Stati Uniti per giungere fino a Las Vegas. Durante il quale i due protagonisti vivono una storia romantica e divertente sulla falsa riga degli storici Bonnie e Clyde. Con una storia completamente diversa, per fortuna.

Non voglio lasciarvi molto di più della trama perché ragazzi, dovete leggere questo libro! Non c’è recensione che tenga. E fidatemi di me, solo nelle ultime pagine riuscirete a trovare il pezzo di puzzle mancante per venire a capo della vicenda.

Bonnie è una star del country che incarna l'idea superficiale che la gente si fa delle persone famose. Clyde è un ragazzo che la vita l'ha vissuta davvero tra difficoltà e problemi. Inizialmente non riuscivo a sopportare la protagonista perché la trovavo troppo saccente e viziata tanto abituata com’era ad una vita da famosa. Ho, invece, apprezzato ogni minimo gesto di Clyde. Sì, lo ammetto, mi sono innamorata di Finn Clyde. Devo ringraziare Amy Harmon per avermi permesso di sognare ad occhi aperti un'altra volta.

La cosa che molti staranno pensando è “il titolo non ha senso”. In effetti, sappiamo tutti che  \infty + 1 =  \infty. Il motivo del titolo è spiegato tra le pagine del libro e non voglio svelarvi niente. Vi dico solo che è davvero romantico. Secondo me la scelta è azzeccata e non sarei riuscita a pensare ad un altro titolo così di impatto.

Insomma, se non si fosse ancora capito, è stata una lettura favolosa. 

PERFECT di Alison G. Bailey

Casa editrice: De Agostini
Pagine: 391 pagine

Perfect è stata una lettura che ha provocato emozioni parecchio contrastanti. L’ho odiata tantissimo ma in parte mi è anche piaciuta.

Amanda è nata un minuto prima di Noah e da quel momento in poi la loro vita è trascorsa sempre assieme, tanto da non poter esistere l’una senza l’altro. Noah è il suo migliore amico, la su anima gemella, il suo cavaliere dall’armatura scintillante. La loro vita è assolutamente perfetta nonostante Amanda soffra di un complesso di inferiorità dovuto ai continui paragoni, fatti dai genitori, con la sorella Emily. Può qualcosa distruggere la perfezione? Ebbene sì. Giunge la pubertà che porta con sé emozioni e sensazioni mai provate mettendo a repentaglio l’indissolubile legame dei due protagonisti. 
Solamente un evento tragico potrà riportare due percorsi diversi nello stesso cammino. Ed è proprio di fronte alle difficoltà che Amanda riesce a comprendere tutto ciò che ha negato fino a quel momento. 

Io direi che il romanzo dovrebbe essere diviso in due parti: la parte noiosa e la parte drammatica/bella. So che può sembrare stupido ma credetemi che, inizialmente, avrei voluto gettare il libro fuori dalla finestra (testimone è la mia amica, Martina, alla quale sono arrivati messaggi davvero esasperati).

Per circa metà libro il lettore si trova di fronte una Amanda in preda alle insicurezze, a questo complesso di inferiorità riguardo qualsiasi aspetto della sua vita. 
Noah, nell’età dell’adolescenza, capisce che il forte legame che ha con la sua migliore amica forse cela dietro di sé qualcosa di più profondo ma nel momento in cui prova a rivelarlo si trova di fronte un muro. Io direi che Noah è un santo ragazzo e non credo esista un'altra persona su questa terra con la sua stessa forza di volontà. Io dopo il primo “no” avrei girato i tacchi e avrei detto “addio cara”. 
È proprio qui che la parola “perfect” mostra tutte le sue crepe. Sin da quando siamo piccoli ci è stato insegnato che “nessuno è perfetto”, secondo me, invece, nulla è perfetto a questo mondo. 

Amanda è un personaggio davvero immaturo, isterico, insolente. Non la sopportavo. Non puoi agire in un modo e poi pentirti. Ormai sei grande e ti prendi le tue responsabilità. Devo aggiungere che nella prima parte anche Noah non ha brillato di intelligenza e forse nemmeno nella seconda. I suoi comportamenti però potrei anche comprenderli perché in quella parte della storia lui era esasperato.    
       
I tira e i molla mi hanno fatto ricordare un pochino Hardin e Tessa  in “After” ma almeno loro due non erano così insopportabili!

La seconda parte del libro è più interessante. Si abbandona l’isterismo di Amanda per entrare in una sfera delicata. Un tema che attualmente molti autori che scrivono Young adult stanno affrontando: la malattia.        

Probabilmente ho ferite ancora aperte, sicuramente sono una persona molto sensibile ma in questa parte di romanzo mi sono trovata a piangere senza controllo. Sembra quasi che la scrittrice abbia improvvisamente cambiato il modo di scrivere. In questo tema ho trovato una Alison G. Bailey molto più interessante. È riuscita ad emozionare e a toccare le corde più sensibili del mio cuore.   

Ho apprezzato anche il piccolo colpo di scena finale. Ero convinta che la conclusione ormai fosse già stampata nel mio cervello e invece mi sono ritrovata a pensare “oddio, brava! Ecco quello che salva il romanzo”. È stata molto abile nel lasciarmi a bocca aperta.

Credo sia davvero un peccato per la prima parte perché se l’autrice se la fosse giocata meglio, sarebbe venuto fuori davvero di qualcosa di carino. So che molte persone non condividono il mio pensiero (vero Martina?) ma a me purtroppo l’inizio ha lasciato più amaro in bocca di quanto pensassi. 


Commenti

  1. Ciao! Di questi libri ho letto Perfect e ho bocciato la lettura, ho trovato la protagonista davvero irritante, insicura e non sono riuscita ad entrare in sintonia con la storia ç.ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino! come hai già potuto leggere nemmeno io l'ho sopportata! mi è piaciuta la seconda parte ;)

      Elimina
  2. Ohhh *-* che onore amica mia!
    Beautiful e Infinito+1 devo ancora leggerli e dopo le tue recensioni non posso fare altrimenti. Sono ancora più convinta di prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro mio <3 non te ne pentirai, parola di Ylenia <3 (altrimenti puoi venire a picchiarmi)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Un libro e una tazza di tè: 1984

Sogni su pellicola - Flash Gordon

Il Post della Domenica: leggere, rileggere e dover leggere