Cineworld - Rebecca La prima moglie

Salve a tutti ragazzi e ben tornati a questo nuovo appuntamento con la rubrica Cineworld. Oggi voglio parlarvi di un film del maestro Hitchcock, ovvero Rebecca - La prima moglie. Film del 1940, tratto dall'omonimo romanzo Rebecca - la prima moglie di Daphne du Maurier. Si tratta del primo film girato negli USA da Hitchcock, per il produttore David O. Selznick. Il film fu subito un successo di pubblico e di critica, tanto da ottenere otto nomination agli Oscar, vincendone due (miglior film e migliore fotografia). Gli attori protagonisti della pellicola sono Joan Fontainenei panni della seconda signora de Winter, Laurence Olivier nei panni del Signor Massimo de Winter e una memorabile Judith Anderson nei panni della governante.


Rebecca - La prima moglie (1940)
Regia: Alfred Hitchcock
Trama: Durante una vacanza a Montecarlo, una giovane dama di compagnia dissuade Lord Massimo de Winter, da poco vedovo, dal suicidio. Il nobile, taciturno e misterioso, s'innamora della ragazza e poco dopo i due si sposano. La coppia si stabilisce in Cornovaglia nell'antico castello di Menderley. Qui la nuova signora De Winter non viene accolta con cortesia e calore ma si troverà in un' imbarazzante situazione: tutti vivono nel ricordo di Rebecca, la prima moglie; ogni cosa all'interno della casa parla di lei: i suoi tovaglioli cifrati, la sua carta da lettere, i suoi oggetti sono dappertutto e anche la sua enorme stanza da letto viene conservata così come lei l'ha lasciata. Nulla può essere spostato o tolto dalla circolazione, la servitù, capeggiata dalla governante Dennie Danvers bada a controllare i movimenti della giovane moglie e le riserva tanta freddezza e ostilità. 


Punti di forza:

  • Stile narrativo: Il film presenta una sceneggiatura che alterna, in maniera perfettamente bilanciata, romanticismo, giallo, suspense e thriller mantenendo sempre viva l’attenzione dello spettatore.
  • Messa in scena: il lavoro della cinepresa contribuisce, attraverso primi piani sui volti e sugli sguardi dei protagonisti, soprattutto di Rebecca, a conferire quell’ alone di mistero che avvolge tutta la storia.

 

A chi consiglio il film: Consiglio questo film a tutti gli amanti del thriller, ma anche del giallo e del romanticismo. Per il resto credo ci sia poco da aggiungere, sarebbe come parlare della Gioconda.

Commenti

  1. A me è piaciuta molto anche la miniserie in due puntate con Cristiana Capotondi e Alessio Boni, anche se non è nemmeno paragonabile con Hitchcock, ovviamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente la miniserie non l'ho vista e quindi non posso commentare. Posso solamente ripetere che il film riesce a incantarmi ogni volta che lo guardo =)

      Elimina
  2. Non ho mai visto il film (shame on me), però ho letto il libro e l'ho trovato davvero strano, tanto da non saper bene cosa pensarne. Comunque, il film continua a ispirarmi e penso che lo vedrò, prima o poi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro non l'ho letto. Il film però è qualcosa di magico, una sorta di fiaba magica con suspense =) recuperalo appena puoi e facci sapere ;)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Un libro e una tazza di tè: 1984

Sogni su pellicola - Flash Gordon

Il Post della Domenica: leggere, rileggere e dover leggere