Recensioni Settimanali - Il Richiamo del Cuculo

Ciao a tutte e tutti,

Eccoci qui per una nuova recensione. Oggi vi parlo del primo romanzo che JK Rowling ha scritto sotto pseudonimo.



Titolo Il richiamo del cuculo
Autore Robert Galbraith
Editore Salani
Genere Giallo, psicologico
Pagine 464 (edizione tascabile)
Prezzo 12€ (copertina rigida) - 5€ (copertina flessibile) - 8.99€ (ebook)








L'autore
Come tutti sappiamo, Robert Galbraith è sempre la cara vecchia Rowling che ha tentato di approcciarsi al mondo della scrittura senza essere legata all'universo di Harry Potter. Tuttavia il suo anonimato è durato poco!

Trama
Il romanzo narra l'indagine dell'investigatore privato Cormoran Strike e della sua segretaria, Robin, sul sospetto caso di suicidio dell'esotica modella Lula Landry
Cormoran è un ex membro dell'esercito inglese che a seguito dell'incidente che gli ha portato via una gamba ha tentato di rifarsi una vita come investigatore. Ma non è facile. Sulle spalle gli gravano il debito che ha contratto con il padre, famosa rockstar, e la fine della contorta relazione amorosa che l'ha portato a vivere in ufficio. 
Robin è giovane, appena arrivata a Londra dalla campagna, perché deve sposarsi. E' alla ricerca di un lavoro che la soddisfi e quando scopre che il lavoro propostole dall'agenzia interinale è quello di segretaria per un investigatore privato, si sente elettrizzata: è il sogno di una vita che si avvera. 
Lula Landry era capricciosa, volubile, alla ricerca delle sue origini, alle prese con una relazione difficile. Per questo la polizia classifica la sua morte come semplice suicidio. Ma sua fratello adottivo non vuole crederci: è ossessionato dal volere stanare l'assassino di lei. Proprio per questo si metterà in contatto con Cormoran. All'inizio il detective è titubante: non crede che quello della Landry sia stato un omicidio, ma considerando che è l'unico caso a disposizione e che ha bisogno di soldi, accetta.
Indagando, scoprirà il patinato mondo della moda, la brutale realtà della droga e gli scheletri nell'armadio con cui ogni famiglia deve fare i conti. E scoprirà anche chi ha ucciso Lula Landry.

La mia opinione
Il romanzo mi è piaciuto. Stile conciso e pulito, veramente scorrevole. Come quasi ogni giallo, rapisce il lettore nell'intreccio di trama, facendo sì che non si smetta di leggerlo finché non si scopre l'assassino. Tuttavia l'intreccio, nonostante sia avvincente, è un po' povero. L'assassino si intuisce a tra quarti del romanzo, anche se è impossibile svelare cosa è successo esattamente, se non quando viene rivelato. Il finale mi ha un po' delusa.
Ho amato la coppia Cormoran-Robin. Li ho trovati molto veri, umani. Sono ben approfonditi e alla fin fine il lettore ci si affeziona. Tutto il romanzo è costellato da un universo di personaggi ben costruiti e ben caratterizzati che contribuiscono a sostenere l'intreccio a tratti povero. 
Mi sarebbe piaciuto che il mondo della moda fosse approfondito di più: nel romanzo non si scopre molto di Lula come modella.
Romanzo piacevole, scorrevole e coinvolgente.

Consigliato
A tutti coloro che cercano un romanzo giallo con personaggi semplicemente umani e per questo complessi.

Stagione in cui leggerlo
Autunno e inverno. Per me sono sempre le stagioni migliori per scoprire chi è l'assassino! Il freddo fuori e il caldo della casa aiutano il lettore a essere coinvolto nelle atmosfere da brividi :)

Voto
3.5/5

Commenti

  1. Io adoro questa serie!!! Concordo con la maggior parte di quello che viene detto nella recensione a parte alcuni punti... Non credo che fosse necessario approfondire il mondo della moda perché è marginale rispetto alla storia, serve solo a inquadrare la vittima. Un altro punto in cui sono in disaccordo è la trama. Essendo il primo romanzo di una serie, credo che sia stata data maggiore importanza alla presentazione dei personaggi principali, alla loro collaborazione e la loro storia personale. Questo caso secondo me è accessorio per farci conoscere Cormoran e Robin, saranno sempre loro i protagonisti e ogni libri terrà incollati fino all'ultima pagina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente hai ragione, infatti voglio leggere gli altri libri per capire bene come è strutturata la serie :))

      Elimina
  2. Io adoro questa serie!!! Concordo con la maggior parte di quello che viene detto nella recensione a parte alcuni punti... Non credo che fosse necessario approfondire il mondo della moda perché è marginale rispetto alla storia, serve solo a inquadrare la vittima. Un altro punto in cui sono in disaccordo è la trama. Essendo il primo romanzo di una serie, credo che sia stata data maggiore importanza alla presentazione dei personaggi principali, alla loro collaborazione e la loro storia personale. Questo caso secondo me è accessorio per farci conoscere Cormoran e Robin, saranno sempre loro i protagonisti e ogni libri terrà incollati fino all'ultima pagina!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Un libro e una tazza di tè: 1984

Sogni su pellicola - Flash Gordon

Il Post della Domenica: leggere, rileggere e dover leggere