Un libro e una tazza di tè: Bad Girl e Il titolista di Bassano

Buongiorno Lettori! 


Oggi vi propongo la recensione di Bad Girl e de Il titolista di Bassano di Karen Waves. Spero che le vostre letture di Settembre vi abbiano dato grandi soddisfazioni! 

Autore: Karen Waves
Titolo: Bad Girl
Editore: self-publishing
Pagine: 82
"Bad Girl" è lo spin-off del primo romanzo della trilogia La studentessa e il potatore. Questa volta non sarà Valentina a raccontare della sua storia con Won-ho. 
Con questo spin-off si ha modo di comprendere cosa passasse nella testa del nostro protagonista nel primo libro. Finalmente ho avuto modo di conoscere che tipo di famiglia fosse quella di Won-ho. Avevo immaginato fosse tradizionalista ma non fino a questi livelli.
Inoltre, ho avuto modo di comprendere i suoi comportamenti durante i primi incontri con Valentina. 

Karen Waves ha avuto una buona idea per spezzare l'attesa
Voto: 4/5 

Titolo: Il titolista di Bassano
Autore: Karen Waves
Pagine: 209
Editore: self-publishing

Valentina è ormai da nove mesi in Italia. Vive a Padova condividendo l'appartamento con Adeaide, una coinquilina tutt'altro che tranquilla e pacifica. 
Tornata a Bassano del Grappa per le vacanze di Pasqua, Valentina incontra la migliore amica, Alice. 
Scopre così che, al Mattino del Grappa, rivista locale, è arrivato un nuovo titolista. Il titolista è coreano, di Busan. 

Valentina, con il cuore a mille, in piena notte si reca alla redazione per scoprire che tra lei e Won-ho non ci sono più ottomila chilometri di distanza. 
Tra i due, immediatamente, rinasce la passione. Una passione inizialmente carnale e carica di frustrazioni ma che ben presto lascia spazio a sentimenti più forti e mai completamente espressi, a scelte e richieste importanti.

Se il primo romanzo si conclude senza lasciare troppe speranze, il finale di questo romanzo lascia ben sperare. 
Cosa ci svelerà Karen con l'ultimo romanzo della trilogia? 

Ho adorato i lunghi dialoghi di questo romanzo. Battute taglienti che segnano e scandiscono un rapporto difficile tra la protagonista e la "signora madre". Valentina è costretta a lottare contro i pregiudizi della madre e della sua famiglia per poter vivere la sua storia. Riuscirà a sopportarli? 

La "Signora madre", così la protagonista chiama madre, sembra mossa da un ossessivo istinto protettivo nei confronti della figlia: non vuole che soffra. Io credo, invece, che sia una donna sola e triste perché la sua vita non è andata come avrebbe sperato. 

La figura di Adelaide vuole essere una sostituta della coinquilina coreana, Kim Yae-rim. In Adelaide, Valentina trova una pazza innamorata della filosofia tanto da farne una ragione di vita, un credo assoluto. 
I dialoghi tra le due ragazze sono davvero divertenti. Battute cariche di amore, celato tra le righe. 

Ho adorato i titoli del "Mattino del Grappa"!! 

Karen si dimostra abile nella scrittura. Lo stile, a mio parere, è migliorato rispetto alla stesura del primo romanzo. 

Mi sarebbe piaciuto poter leggere finalmente i sentimenti dei due protagonisti. Il loro rapporto è costellato da battute, rivelazioni mai complete di ciò che provano. 

Mi è davvero piaciuto passeggiare per le vie di Bassano del Grappa, la mia cittadina, con Valentina e Won-ho. Mi ha entusiasmato tanto che avrei voluto ancora più descrizioni del paesaggio. 

Ora non mi resta che aspettare fino all'uscita del prossimo romanzo! Ce la faremo???

Voto: 4/5

E voi? Avete letto lo spin-off e il romanzo? Fatemi sapere cosa ne pensate :)

Ylenia

Commenti

Post popolari in questo blog

Un libro e una tazza di tè: 1984

Sogni su pellicola - Flash Gordon

Il Post della Domenica: leggere, rileggere e dover leggere