Il mondo di Ylenia: Acquisti #6

Buon giorno lettori e lettrici, 

oggi vi voglio mostrare il secondo acquisto alla fiera di Bassano del Grappa, la mia cittadina.
Una bancarella di classici a soli 3,00€ l''uno. Un vero affare ;) 

Si tratta di un classico francese. Sto parlando di:

L'educazione sentimentale di Gustave Flaubert

Titolo L'educazione sentimentale
Autore Gustave Flaubert
Casa editrice Crescere edizioni
Pagine 476
Prezzo 7,90 €
"… Un giovane diciottenne, dai lunghi capelli, con un album sottobraccio, stava immobile presso il timone …- Ecco come Flaubert ci introduce a Frederick Moreau il protagonista de L’Educazione Sentimentale, lo studente liceale che presto si trasferirà a Parigi per studiare giurisprudenza. 
Nella grande città Frederick incontrerà due mondi: il primo, quello privato, segnato da amori prepotenti o puramente immaginativi come quello per Marie Arnoux, donna sposata, ma che mostra interesse per il giovane. Il secondo mondo è quello che permea la società borghese parigina, un insieme di vuoto conversare, tra espedienti e fallimenti, in cui non conta la credibilità morale ma l’identificarsi ad un modello incapace di rendere coerenti, maturi, i suoi interpreti. Come nei romanzi di Balzac. 
I protagonisti stanno vivendo le grandi emozioni delle rivolte del 1848, una Parigi scossa dai fermenti, in cui grandezza e miseria morale corrono affiancate. Il lettore compirà un viaggio all’interno della rivoluzione guardandola con lo sguardo distaccato di Frederick, che nel frattempo si è legato a Rosanette. I due avranno un figlio che non sopravviverà alla loro immaturità. 
Sono anti-eroi i protagonisti di questo romanzo e proprio questa loro dimensione che ha affascinato molti critici letterari e che rende L’Educazione Sentimentale un’opera di grande qualità, pienamente leggibile con gli occhi di un lettore del Duemila."
(quarta di copertina)

Voi lo avete letto?

Fatemi sapere ;) 

Ylenia

Commenti

Post popolari in questo blog

Un libro e una tazza di tè: 1984

Sogni su pellicola - Flash Gordon

Il Post della Domenica: leggere, rileggere e dover leggere