Cineworld - Echi mortali

Salve a tutti amici e bentornati in questo nuovo appuntamento con Cineworld.

Oggi vi parlo di un film tratto dal romanzo Io sono Helen Driscoll di Richard Matheson (uno dei più grandi esponenti del genere thriller, fantascienza del 900 per quanto mi riguarda), diretto da David Koepp del 1999. La trasposizione di tale romanzo è Echi Mortali.


Echi Mortali (1999)
Regia David Koepp
Durata: 99 min.
Trama e recensione
Tom Witzky (Kevin Bacon) vive a Chicago con la moglie Maggie (Kathryn Erbe) ed il figlioletto Jake (Zachary David Cope). La sua vita cambia radicalmente quando, durante un party, Tom si fa ipnotizzare dalla cognata Lisa (Illeana Douglas), per dimostrare quanto siano false queste pratiche. Non solo la seduta di ipnosi funziona, ma Tom non riesce più a liberarsi da alcune inquietanti visioni che lo cominciano a perseguitare e che riguardano tutte una misteriosa ragazza (Jennifer Morrison).Anche il piccolo Jake sembra vedere il fantasma della ragazza, ma al contrario del padre, si dimostra estremamente calmo in merito.
Il film presenta un buon ritmo, con una tensione in crescendo che tiene sempre sulle spine lo spettatore. La regia di David Koepp è molto curata e ben riuscita, forse il miglior film diretto da lui in quanto va ricordato che Koepp ha sempre dato il meglio come sceneggiatore (vedi Carlito's Way, Mission Impossible, Jurassic Park, Spider Man di Raimi ecc..). Sull'interpretazione di Kevin Bacon penso non ci sia nulla da dire, è un attore bravissimo, tra i più bravi della sua generazione che, secondo me, non ha mai avuto l'importanza che merita.
Il film ha inoltre vinto 
il premio come miglior film del 2000 al festival del film fantastico di Gérardmer.

Echi mortali è un film che dovrebbe essere cult ma che non si sa per quale ragione non lo è diventato, ragion per cui vi invito assolutamente alla visione di questo film. 
Vedrete che alla fine mi ringrazierete.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un libro e una tazza di tè: 1984

Sogni su pellicola - Flash Gordon

Il Post della Domenica: leggere, rileggere e dover leggere