Un libro e una tazza di tè: Le anime bianche

Buon Pomeriggio Lettori ^_^ 

Scusate la mia assenza ma in questo periodo sono stata ammalata e ho dovuto ultimare la tesi. Mi sarebbero servite giornate di 48 ore...
Siamo quasi in dirittura d'arrivo...e io non sto più nella pelle dalla felicità :) 

Tornando a cose, per voi, sicuramente più interessanti...
Oggi vi voglio parlare de Le anime bianche di Frances Hodgson Burnett. Non avevo mai letto nulla dell'autrice e finalmente ho potuto leggere questa breve ma intensa opera! Non posso che ringraziare la traduttrice Annamaria Tranfici per la concessione e la Panesi Edizioni per la pubblicazione. 


Titolo Le anime bianche
Autore Frances Hodgson Burnett
Casa editrice Panesi edizioni
Pagine 78
Prezzo 1,99 € ebook - 8,00 € cartaceo
(amazon)


“Le anime bianche” (“The White People” nella versione originale) è un romanzo breve in cui la celebre autrice dei ben più conosciuti “Il piccolo Lord” (1886) e “Il giardino segreto” (1911) presenta, attraverso gli occhi della propria protagonista, le sue personali considerazioni circa ciò che attende l’uomo dopo la morte.

L'opera narra la storia di Ysobel, una ragazza timida e introversa, che vive sola, assieme a due tutori, nel castello di Muircarrie. 
Ysobel è una bambina diversa da tutti gli altri. In lei, i suoi tutori hanno visto un qualcosa di particolare che la rende speciale ma non ne hanno mai parlato apertamente. 
La protagonista sembra vivere senza problemi nella natura fredda e pungente della Scozia tanto da non riuscire a vivere più di alcune settimane a Londra, lontana dal castello. 
Fin da giovane mostra di essere dotata di un particolare "dono" che è la capacità di poter "vedere oltre le cose" e di entrare in contatto con le anime dei defunti. 

La prima volta che noi lettori scopriamo il particolare dono di Ysobel, è un giorno in cui lei si trova a passeggio con i suoi tutori. Nella nebbia la bambina sente dei rumori: dei cavalli a galoppo, rumore di cuoio che sbatte e percepisce l'avanzare di una compagnia di uomini barbari. Ysobel si trova di fronte a uomini pallidi e feroci che sembrano aver combattuto tanto tempo. Tra di loro ce ne è uno in particolare con una cicatrice a forma di stella sulla fronte, che stringe tra le braccia una pallida ragazzina con una macchia rosso scuro sull'abito all'altezza del petto.  
Da questo momento in poi, Ysobel manifesta sempre più il suo dono di vedere le anime bianche e di ascoltarle. 

Non voglio raccontarvi nei dettagli la trama perché sono convinta che l'opera meriti di essere letta e scoperta pagina dopo pagina. 

Il mio pensiero
Questa lettura è stata davvero una rivelazione: lo stile dell'autrice è in grado di catturare il lettore e la prosa è molto delicata seppur carica di simboli e di mistero. La narrazione attrae sin dalle prime righe. 
Mentre leggevo il romanzo, mi sono trovata a dimenticare tutto ciò che era attorno a me. Mi sono sentita parte della storia e mi sono lasciata trasportare dalle parole della protagonista, Ysobel.  

La storia presenta uno spunto biografico dell'autrice e questa sorta di diario di Ysobel (non è un diario, ma la protagonista racconta la sua vita) mi ha fatto provare ancora più emozioni. Apprezzo lo sforzo dell'autrice di trasformare in scrittura ciò che ha provato alla perdita del proprio figlio. 

Ho apprezzato moltissimo, inoltre, il legame che si instaura tra Ysobel e lo scrittore Hector McNairn. Ysobel sembra trovare in lui una compagnia che la allontana dalla solitudine cui sempre è stata costretta ed abituata. 

Purtroppo non ho letto l'opera in lingua originale, quindi non posso fare un confronto, ma la traduzione l'ho trovata ottima, comprensibile e ben fatta. Ritengo che riesca a comunicare bene quello che succede in ogni situazione.

Sono rimasta colpita dalle descrizioni della natura che non sembrava voler essere ostile ma solamente fredda e suggestiva. La lettura mi ha fatto ricordare "Cime tempestose" della Brontё: il rimando è continuo e stupendo.

Non avevo mai letto nulla di Frances Hodgson Burnett ma ora per farmi perdonare questa mancanza, assieme a Jenny, leggerò Il giardino segreto. 

Voi avete letto qualcosa dell'autrice? 
Fatemelo sapere nei commenti :) 

Ylenia


Commenti

Post popolari in questo blog

Un libro e una tazza di tè: 1984

Sogni su pellicola - Flash Gordon

Il Post della Domenica: leggere, rileggere e dover leggere